Home » Yoga » Ustrasana:la posizione del cammello in ginocchio

Ustrasana:la posizione del cammello in ginocchio

Il movimento precedente e’ un’ottima preparazione all’inarcamento piu’ profondo che andremo a realizzare nella variante simmetrica.Prendiamo sostegno con entrambe le mani sui talloni,espiriamo a fondo creando un punto di forza nella zona sottombelicale,che non perderemo durante l’asana ma lo rinforzeremo.Con l’aiuto di un’inspirazione profonda successiva,solleviamo il bacino in alto e in avanti; abbandoniamo poi la testa all’indietro,con delicatezza. La leggerezza si realizza grazie alla forza sulla base di appoggio ( ginocchia e mani che esercitano una profonda pressione ),e grazie alla forza del respiro.Manteniamo la posizione per diverse respirazioni ( con I nostri tempi ) e al termine ci rilassiamo con la fronte a terra,in una posizione raccolta,dove percepiremo una forte reazione vitale del corpo,che cercheremo di non disperdere.
Effetti: apertura della cassa toracica e rafforzamento della zona cervicale e della muscolatura del dorso.
Benefici: asana utile per sistema riproduttivo,digerente,intestino.Migliora la postura,allevia il mal di schiena e dorso curvo.Allunga la parte anteriore del collo e regola la funzione tiroidea.Utile per chi ha attacchi di asma.
Controindicazioni: questa postura e’ troppo intensa in presenza di dolori alla schiena ed alla zona cervicale.In questo caso sara’ bene eseguire l’esercizio con il supporto di un panchetto o mattoncino su cui appoggiare le mani.Per chi soffre di ipertiroidismo si puo’ evitare di rovesciare il capo all’indietro e limitarsi ad arretrare il collo senza allontanare il mento dal petto.In caso di problemi lombari si potranno eseguire le varianti piu’ semplici ,curando di mantenere almeno parzialmente la retroflessione del bacino durante tutta l’esecuzione.Anche in caso di ernia o infiammazione agli organi della digestione si potra’ eseguire l’asana senza esagerare l’incurvamento,intensificando la posizione con molta gradualita’ e controllando le proprie reazioni.
Consapevolezza: colonna vertebrale,addome,gola.Respiro naturale.Portare attenzione a livello spirituale su secondo e quinto chakra ossia swadhisthana e vishuddhi.(asana che stimola tutti I chakra).
Respirazione: respiro normale,naturale in quanto il torace essendo gia’ esteso si farebbe fatica a respirare in maniera piu’ profonda.
Tempi: soggettivi a seconda delle possibilita’ individuali.
Sequenza: per allentare qualsiasi tensione alla schiena e’ importante che l’asana del cammello sia seguita da un piegamento in avanti,come paschimottanasana o shashankasana.
Per facilitare: in partenza quest’asana puo’ essere effettuata poggiando I polpastrelli delle dita dei piedi a terra.
Per accentuare: la mano sinistra puo’ afferrare il tallone destro e la mano destra il tallone sinistro.
Ustrasana viene considerata un’asana educativa con degli obbiettivi fondamentali:porta equilibrio ed armonia a livello fisico.Pace interiore e mentale,forte senso di benessere a livello spirituale.
Gli asana educativi interessano I vari movimenti della colonna vertebrale,in questo caso il piegamento all’indietro (estensione).Questa posizione mantiene flessibile ed elastica la colonna vertebrale prevenendo rigidita’ di articolazioni e muscoli.Le sostanze di rifiuto vengono eliminate in quanto la circolazione del sangue attorno alle articolazioni aumenta incrementando l’apporto di nutrimento alle giunture stesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *